martedì 8 luglio 2014

Nuovo indirizzo: venite a trovarci


Ve lo abbiamo già detto, ma ci è venuto il sospetto di non essere state abbastanza ufficiali nella comunicazione: ilcestodeitesori ha cambiato casa, abbiamo allargato la famiglia e ora ci trovate su www.theylab.com.
Venite a trovarci, nella sezione notizie vi proponiamo le nostre scoperte, nelle altre sezioni potete vedere i vari servizi che offriamo, dal'editing alla comunicazione e tanto altro.

mercoledì 11 giugno 2014

G.R.I.M.M. l'app libro che cresce con il tuo bambino

Chi ha detto che quando una donna diventa madre è costretta a scegliere inevitabilmente tra famiglia e carriera? Certo, sarebbe ipocrita dire che con la maternità tutto rimane come prima, e sicuramente la carriera subisce una battuta d'arresto o un forte rallentamento. Però è anche vero che con la maternità si rivedono le priorità, si stabiliscono nuovi confini e nuovi obiettivi e la creatività aumenta, spinta, diciamocelo, anche dalla necessità.
E poi si fanno degli incontri. Incontri con altre persone che hanno le stesse difficoltà, le stesse esigenze e problematiche. E a volte capita che si vada al di là delle solite quattro battute su cacca, pappa e pannolini.
È quello che è successo a Elisa, Cristiana e Michela. Che insieme hanno dato vita a un progetto speciale, G.R.I.M.M. (l'acronimo di Grow in multimedia, geniale!). Un'app che è anche un libro, un libro speciale, che cresce insieme al tuo bambino.
Abbiamo fatto qualche domanda a Cristiana Calilli, torinese doc, blogger - non ditemi che non conoscete Centopercentomamma - e vera forza della natura.

giovedì 5 giugno 2014

Roddy Doyle live


Avete presente The Commitments? Vi ricordate di Jimmy? Bene, perché torna in una nuova storia di Roddy Doyle (ovviamente) che in Italia Guanda pubblica con il titolo La musica è cambiata.
Nell'ambito del festival Le corde dell'anima organizzato dalla città di Cremona, ho assistito alla presentazione dell'ultimo romanzo di Roddy Doyle, che se prima amavo, adesso idolatro. Era sabato 31 maggio, era una serata soleggiata, l'architettura della piazza del Duomo era un salotto non solo elegante, ma anche accogliente (e che altro deve essere un salotto?). Roddy Doyle ha risposto alle diverse domande di Alessandra Tedesco con un aplomb tutto irlandese. Lo so, già state dicendo che aplomb e irlandese non possono stare nella stessa frase, ma vi sbagliate. La differenza tra aplomb britannico e aplomb irlandese è solo una questione di accento e sorrisi. 

giovedì 29 maggio 2014

Questo è un incipit


Ogni esperienza è qualcosa che ci fa crescere. E per crescere bisogna cambiare, anche se si sta comodi dove si è. O forse proprio per quello. Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di allargare l'esperienza del Il Cesto dei Tesori, coinvolgendo anche CristinaF e Manola, per essere un vero team e poterci dedicare seriamente a quello che amiamo di più: comunicare la bellezza attraverso le nostre diverse competenze e farlo anche per voi, mettendo a vostra disposizione il nostro mestiere. 

martedì 27 maggio 2014

In food we trust


Prepariamoci ai pranzi all'aperto. di tutto in po'. Buon appetito, e ricordatevi...#infoodwetrust per un mondo migliore.

mercoledì 14 maggio 2014

Maurizio Ceccato, un amore di grafico



 

Faccio outing.
Mi sono innamorata di Maurizio Ceccato.
Non di un amore effimero, ma di un sentimento radicato nella profonda conoscenza e stima reciproca che ci unisce.
Devo però specificare che non lo conosco.
L'ho visto in foto, ma nella maggior parte di quelle che ho trovato su internet lui era bendato, quindi la mia passione non trova nemmeno la sua ragion d'essere nell'attrazione fisica.
È che sono innamorata delle sue copertine.

martedì 13 maggio 2014

Il mio SalTo nei libri


Il Salone del Libro di Torino è stato diverso per me quest'anno. Innanzitutto non ci sono potuta andare prima dell'ultimo giorno, cosa che mi ha permesso di godere di qualche sconto, ma non mi ha permesso di incontrare chi volevo allo stand di Liberaria, anche se il libro di Noemi Cuffia me lo sono aggiudicato lo stesso.
Inoltre, diversamente dal solito, non avevo con me la mia fedele Canon, perché ho deciso di viaggiare leggera, perché dopo tante foto al salone, mi sono detta, lascia a casa il tuo occhio fotografico e porta quello grafico.

venerdì 9 maggio 2014

Invalsi=invalidità temporanea del pensiero



Pochi giorni fa si sono svolte in tutte le scuole primarie e secondarie del paese le prove Invalsi.
Per chi ancora non lo sapesse, le prove Invalsi sono dei test pensati per tastare il polso della scuola. Per capire a che punto sono i ragazzi con l'apprendimento del programma ministeriale.
Ora, io non sarò lucida in questo momento, ma il prossimo che dice programma ministeriale lo appendo al muro.
Siamo in ritardo col programma, questo punto dal programma non è previsto.
La delegittimazione di ogni spunto personale.
Ora, immaginatevi un test a tempo sul programma ministeriale.
Un test a tempo?
In quelle due ore devi dare le risposte corrette, proprio quelle lì, non devi divagare e tantomeno - oh cielo, che eresia! - argomentare. E se questo può andare bene forse per dei ragazzi delle medie, immaginatevelo applicato a dei bambini di seconda elementare.
Che cosa può insegnare una prova di questo tipo?

mercoledì 7 maggio 2014

#ioleggodasola


Di essere una mosca bianca, o una pecora nera che dir si voglia, l'ho sempre saputo. Sono nata timida, cresciuta asociale e invecchiata (vabbè dai, non esageriamo) sui generis (cioè mei generis). Però c'è una cosa di cui non mi capacito, a cui mi rifiuto di credere, e cioè che il giallo, il mystery, piaccia solo a me.
Esperti di editoria mi dicono che il giallo non va. Me lo dicevano anche quando il thriller sbarellava il mercato. Perciò non credo a questi guru. Anche se io parlo proprio del giallogiallo, compreso il cozy mystery, che si chiama così proprio perché è pensato per pantofolai come me: plaid, tazza di tè, libro e magari una intensa pioggia fuori della finestra, che rende ancora più credibile l'atmosfera inglese.

lunedì 5 maggio 2014

La casa in tasca

 Per oggi posso sentirmi realizzata, ho trovato questo quaderno che è anche casad elle bambole, che i bambini (ma anche io) possono disegnare a loro piacimento, creando scenari sempre diversi.

martedì 29 aprile 2014

Il passato è passato

Stanotte ho fatto un sogno.
Ho sognato cose di una vita passata ed è proprio vero che certi sogni vanno domati come i leoni al circo, in modo che siano ancora belli da vedere ma incapaci di nuocerti ancora.
Il passato è il passato. Così dicono.
Ma quando torna a riaccenderti i pensieri non è forse più reale del presente?

reflection Copyright Cristina Cigognini on Flickr

lunedì 28 aprile 2014

Bolle di primavera


Le bolle di sapone sono per me una sorta d dipendenza. Ma non perché io sia infantile, sono sicura che non sia per quello. Innanzitutto... ma quanto sono belle? La bellezza che deriva dalla perfezione, dalla leggerezza. Sono effimere, è vero, ma così complete che mai il detto "breve ma intenso" è stato più vero.

martedì 22 aprile 2014

The sound of silence


"Silence is the perfectest herald of joy: I were but little happy, if I could say how much"  William Shakespeare - Much ado about nothing

Lo so, siamo state silenziose negli ultimi giorni, non solo per la Pasqua, le vacanze e cose varie. Non siamo distratte, no. Siamo silenziose. A volte si ha bisogno di ascoltare quello che si ha dentro, e le parole - che noi amiamo alla follia - non servono.

martedì 15 aprile 2014

La madre bambina (nonostante l'età)


 I bambini crescono e noi diventiamo vecchi. Vecchi e piccoli. Non so a che età io abbia perso la capacità di "crescere". Imparo cose nuove di continuo, certo. Grazie a mia figlia mi ricordo cose vecchie che avevo dimenticato. Ma crescere, nel senso di diventare più grande, più adulta... quello no, non lo so fare. Sarà perché già da ragazzina ero vecchia dentro, come dico sempre ai miei amici, poi a un certo punto mi sono fermata ad aspettare gli altri e mi sono accorta di essere stanca. E lì sono rimasta.

lunedì 14 aprile 2014

Semiserie&sons. Potere all'ironia

L'ironia è il sale della vita, quello che tira su nei momenti di sconforto, ma è anche lo zucchero, quello che addolcisce i giorni neri.

Senza ironia non si potrebbe affrontare la fine di un amore. Quel momento in cui ti sembra che ti stiano strappando un pezzo di cuore.

autoproduzione
Tu mi manchi / semiserie


venerdì 11 aprile 2014

La casa della poesia di Sara Trofa

Non capita spesso che qualcuno scriva una poesia per te.

Quando succede bisogna conservarla come un bene prezioso, perché la poesia sgorga direttamente dalle nostre viscere, è vomitata dai nostri intestini e dalle nostre budella. Appartiene anche ala sfera dell'anima, certo, ma trova la sua origine più profonda nella parte di noi che tendiamo a occultare, quella che consideriamo impresentabile, rozza e volgare. Viene poi filtrata dal nostro cuore e impreziosita dalla nostra anima. Ma la sua casa è lì sotto e non dobbiamo dimenticarlo.

Per questo chi scrive poesie non esibisce solo delle belle parole ma strappa inconsapevolmente un pezzettino di sé.

Sara Trofa ci ha donato una poesia.
Avevamo già parlato di lei e del suo progetto-giardino SEMIDISEGNITELODICO in occasione di Writers.

Ma oggi esibiamo, orgogliose, un pezzettino di lei.

© Cristina Cigognini 

mercoledì 9 aprile 2014

Urban Landscapes

Milano
Oggi vi proponiamo una carrellata di paesaggi urbani, di cui amo particolarmente i giochi di linee, rette o tonde. Alcuni li avrete già visti, su questo blog, ma qui raccontano una storia diversa. Qui si sposano il mio amore per la fotografia e per l'architettura, per i viaggi e per l'Inghilterra. Sono una ragazza di campagna, sarà per questo che vedo paesaggi anche dove si innalzano muri fino al cielo. O sarà semplicemente che la bellezza è ovunque.

martedì 8 aprile 2014

Solo un breve passaggio

Solo un breve passaggio per dirvi che va tutto bene.
Che siamo impegnatissime a creare qualcosa che spero ci porterà lontano.
Che siamo stati al mare.


venerdì 4 aprile 2014

Selected Publisher per fuoriMICRO: CRANICO

Questo è solo un assaggio. Ho intenzione di parlarvi di lei in maniera più approfondita. Anzi vi dirò di più, ho intenzione di passare una giornata intera con lei, di farle domande, di fotografare il suo lavoro, di vedere coi suoi occhi.
Perché LEI è una delle mie artiste preferite e perché ho avuto modo di dividere con lei il banco di scuola per tre mesi.
Perché lei anche quest'anno è tra gli editori selezionati per l'evento fuoriMICRO - il bello di essere rari che si terrà in concomitanza con la Milano Design Week, l' 11-12-13 aprile nella location dei Frigoriferi Milanesi di Via Piranesi 10.

Signore e signori ecco a voi CRANICO.


giovedì 3 aprile 2014

#metroreaders upgraded


Ve li ricordate i metroreaders, quelli che leggono libri sui mezzi pubblici, imperterriti, indefessi, piove, nevica o c'è il sole, non rinunciano mai ad almeno un paio di pagine al giorno, prima e dopo il lavoro?
Io, ovviamente, sono una di quelli, e ieri mattina mi è capitata una cosa inaspettata, che come tale mi ha colto alla sprovvista. Ho avuto quindi un comportamento idiota.
Riassumo. Oggi ho scroccato un passaggio in macchina per venire a Milano, perché Trenord non ce la poteva fare. Quindi il tempo di lettura in treno me lo sono fumato.

martedì 1 aprile 2014

A caccia di unicorni

Casa, interno, un pomeriggio qualsiasi.
Una telefonata [finta]

- Ciao mamma, che cosa stai facendo?
- Sono a casa e sto lavorando
- No, mamma, cosa stai facendo veramente?



lunedì 31 marzo 2014

Interno giorno. Un posto per noi #itsohsoquiet

Sì lo so, oggi è lunedì. 
Non sarebbe il giorno giousto per la rubrica #itsohsoquiet.
Ma ho pensato che con il cambio dell'ora legale siamo tutti un po' indietro, ci agggiriamo come automi chiedendoci Che ore sono? Che giorno è?
Quindi ho deciso di trattare questo lunedì come se fosse un venerdì.
Lentamente.
Con gentilezza.
Con amore.
E lo faccio con le parole di Sara.

Chi non conosce Sara Milan non sa cosa si perde. 
Il suo blog, Nuvolosità Variabile, non è nato da molto, 
ma è già un punto di riferimento nel fornire spunti, idee, riflessioni e ispirazione. 
Sara ha cura delle parole.
Godetevela.


venerdì 28 marzo 2014

Camerette dei sogni e cameretta della realtà

Avete presente quelle belle camerette che pinno su Pinterest? Tutte carine, linde, ordinate? Così glamour che quasi le vorrei per me stessa. E ci starei benissimo. Tipo così:


mercoledì 26 marzo 2014

Fotografi irriducibili


Continuiamo a parlare di storie, di come raccontarle. Ci sono mille modi. Ieri dicevo che costruire è raccontare, in questo blog vi ho raccontato a puntate la storia di Gustav Nightingale in 19 puntate. Cercate il tag Pecore Nere, se vi interessa. Ogni giorno, poi, vi raccontiamo qualcosa, no? Però sapete quanto ami la fotografia, e non c'è linguaggio più immediato di quello delle immagini.

martedì 25 marzo 2014

Mondi di carta


I miei giochi preferiti sono sempre stati quelli in cui si possono creare mondi in miniatura. Come i Lego, per dire. E oggi vi presento queste meraviglie in cartone riciclato create da Studio Roof. In fondo, è un modo per imparare a raccontare e costruire. Ma in fondo costruire una città non è raccontare una storia? Tutte le strade portano a una storia, o meglio, nascondono una storia.

venerdì 21 marzo 2014

In the mood for Genoa

Chiedo scusa ma in questo periodo sono in the mood for Genoa.
Genova è una città che non si svela subito, bisogna aiutarla un po'.
Non è fatta per il visitatore superficiale, accattone di emozioni facili. 
Se la vuoi comprendere a fondo devi essere attento e anche un po' innamorato, disposto a lasciare la luce là sopra e addentrarti nelle sue viscere. Quando risalirai in cima, la luce sarà sempre là ma tu sarai cambiato in modo impercettibile. Non te ne accorgerai subito, te ne renderai conto una volta tornato a casa, quando ti mancherà. Come un'amante che hai dato troppo spesso per scontata.


Santa Brigida
Fonte All Things Europe

giovedì 20 marzo 2014

Appello agli editori


Non c'è niente, credo, che mi coinvolga di più che parlare e sentir parlare di libri, di editoria, di modalità di pubblicazione e case editrici. Sabato scorso sono stata alla biblioteca Passerini Landi di Piacenza per ascoltare Camilla Ronzullo (alias Zelda was a Writer) e Noemi Cuffia (alias Tazzina di Caffè) parlare di letteratura al femminile (nel senso che coinvolge autrici donne) nell'ambito del festival Calliope, organizzato dalla biblioteca. Camilla ho il piacere di conoscerla di persona, ed è stata vulcanica come sempre, pasionaria ma divertente. Noemi è più pacata, ma non per questo meno incisiva.

martedì 18 marzo 2014

Genova, mon amour! Di mare, cinema, teatro e una notte nei vicoli

Lo scorso weekend sono tornata a casa. A Genova.
Le 48 ore appena trascorse mi hanno lasciato in dote:
il sole
il mare
la leggerezza
una congiuntivite (si sa che non 'è gioia senza dolore, se bella vuoi apparire un poco devi soffrire, senza la pioggia non ci sarebbe l'arcobaleno e tutta quella schiera di consolazioni vetero ecclesiastiche che in 13 anni di preti si sono radicate dentro di me come l'amore indiscusso per Raffaella Carrà e il suo mai dimenticato gioco dei fagioli).

venerdì 14 marzo 2014

Cose che ho scoperto sul partire

Ieri ho scoperto delle cose sul partire.



Ho scoperto che più so più mi sembra di non sapere.

Ho scoperto che se la strada che vedi davanti a te ti sembra lunghissima, non ti preoccupare, quella che non vedi è sicuramente di più.

Ho scoperto che per partire basta mettere un piede dopo l'altro.

giovedì 13 marzo 2014

Occhiali per bambini [da quattrocchi a gangsta]

Da piccola ho dovuto mettere gli occhiali molto presto. Erano gli occhiali di una volta, quelli di metallo con lenti spesse a cui io dovevo abbinare anche un cerotto sull'occhio che non mi conferiva certo un'aria molto cool. Metteteci anche capelli crespi e una magrezza acciughina e avrete il quadro completo. Ovviamente venivo chiamata quattr'occhi, nel migliore dei casi, e non appena ho avuto l'eta per mettermi le lenti a contatto, zac!, detto fatto, gli occhiali non mi hanno più rivisto, anche  a costo di qualche micro lesione della cornea procurata in serate passate fino all'alba in discoteche troppo fumose . Ma almeno il giorno dopo avevo la scusa pronta - Sai non ti avevo visto molto bene. Sì, una brutta lesione della cornea, mi dispiace, nulla di personale eh!

Tuttavia sono convinta che se a suo tempo avessi avuto a disposizione occhiali così, le cose sarebbero andate diversamente.

Tre brand per bambini felici di portare gli occhiali (o almeno che fingono di esserlo).

Very French Gangster


mercoledì 12 marzo 2014

Rodney Smith. Un fotografo in equilibrio

A me questa cosa dell'equilibrio affascina.
Pensateci bene. L'equilibrio è labile ed evanescente. Lo diamo tutti per scontato, ma in sua assenza non saremmo in grado di muovere un passo. Come un partner di lunga data. Quando ti sembra di averlo inquadrato, lui ti spiazza e se provi ad analizzarlo nel dettaglio ti accorgi della sua complessità. Intrappolarlo in un attimo spazio temporale è quasi impossibile, ma chi ci riesce ottiene risultati incredibili.

giovedì 6 marzo 2014

Apologia dello spuntino di mezzanotte


 Qualsiasi nutrizionista inorridirà di fronte alle affermazioni che seguono, ma  non di solo nutrimento vive l'uomo. Lo spuntino di mezzanotte (o delle undici di sera) è una coccola necessaria se ti prende  un vago morso di fame mentre guardi la Tv, o leggi un libro o scrivi un post per il tuo blog prima di andare a dormire. Perché se hai dei figli, a cena mangi, magari apprezzi anche quello che il tuo compagno ti ha cucinato, se sei fortunata come me, ma i pargoli richiedono sempre la tua attenzione, che non può concentrarsi a dovere sul cibo.

mercoledì 5 marzo 2014

Knit your home


Arredare una casa è un po' come fare il nido, e se è vero che gli oggetti di design piacciono a tutti - credo - è anche vero che alla casa bisogna conferire la propria personalità. E sapete che ultimamente mi sto dedicando alla maglia. Non sono molto brava, non confezionerò mai, probabilmente, un maglione, ma ho già manie di grandezza e penso a pouf e cuscini con cui abbellire la mia casa. Nel frattempo, però, intanto che faccio pratica, mi affiderò dei designer veri.

martedì 4 marzo 2014

Memorie d'infanzia e shopping compulsivo

robedellarobi

Ci piace immaginare l'infanzia come un tempo e un luogo fatati. Nella mia testa tutto ciò che è un po' rétro, che ha quel sapore di felice semplicità, che ricorda i baci della mamma, le merende estive tra una corsa e l'altra, il profumo dell'erba, il colore del cielo, la frescura all'ombra di un salice, il suono di un ruscello, le canzoni con un ritornello... tutto ciò per me è infanzia.

venerdì 28 febbraio 2014

Sono una sporca traditrice


Oggi l'angolo della confessione tocca a me, e decido quindi di confidarvi quella cosa preziosa e contrastata che è il mio amore per i libri. Cioè sto per spiegarvi che rapporto abbiamo io e i libri che leggo.

giovedì 27 febbraio 2014

Yellowbasket per ilcestodeitesori: 15% di sconto su tutti i prodotti

Udite udite!
Finalmente è online il nuovo sito di Yellowbasket, rinnovato nella veste grafica, nei colori e nei contenuti. Alice e Marta hanno fatto - e stanno tuttora compiendo - un percorso pazzesco, ricco di creatività, voglia di sperimentare e capacità di trasmettere il bello che si nasconde negli oggetti di uso quotidiano. Ma soprattutto hanno avuto il merito di comprendere quanto la bellezza, unita alla funzionalità, sia in grado di migliorare la nostra vita di tutti i giorni.
Per l'occasione Yellowbasket regala a tutti i lettori del Cesto un buono sconto del 15% su qualsiasi acquisto effettuato entro il 16 marzo.


martedì 25 febbraio 2014

Cose strane che mi succedono


Il mondo è strano, ma forse io lo sono ancora di più. Ultimamente mi capitano cose bizzarre, che non dovrei sottovalutare.
Per esempio:
- La macchinetta del caffè in ufficio si rifiuta di erogare orzo nel mio cappuccino. (Poi mi arriva un'e-mail anonima che dice: apprezza la coerenza di una macchinetta del caffè che non sarà mai e poi mai una macchinetta d'orzo!)

lunedì 24 febbraio 2014

SUPERSUPER Flavia!

Che Flavia fosse bravissima lo avevamo già detto qui.
Ma siccome oggi è lunedì - e si sa che per affrontare una giornata difficile è necessario circondarci delle cose che amiamo di più - io voglio cominciare questa settimana ricordandovi quanto sia speciale.
E per farvi vedere la sua ultima creazione:

La serie di stickers da parete Kids and Cooks Breakfast/Dinner/kitchen garden sono a prova di bambino. Realizzati in vinile sono composti da più elementi che ognuno può comporre come desidera, in base all'estro del momento, C'è il tavolo apparecchiato per la colazione, l'angolo cottura con la cena sul fuoco, il frigorifero pieno di provviste.


venerdì 21 febbraio 2014

Quando Kurt era un alieno

Quando ero adolescente ascoltavo i Nirvana.


Me le ricordo le serate a casa della mia migliore amica, a letto sotto le coperte, una cuffia per uno ad ascoltare questa musica abbagliante, la voce di Cobain che ci graffiava la pelle e ci diceva che avevamo ragione a essere incazzate, che era giusto, che anche lui dall'altra parte del mondo - anche se era solo Seattle - si sentiva così.
In realtà io ho vissuto un'adolescenza piuttosto tranquilla, ho bevuto come tutti, ho vomitato sulle scarpe del mio fidanzato che mi era venuto a recuperare al locale dove io ero uscita con altri come tutti, ho rubato la macchina dei genitori della mia amica per scorrazzare in riviera e tornare alle sette della mattina, pensando che dormissero. Come tutti. O almeno credo.

giovedì 20 febbraio 2014

Ci vediamo da...

Ultimamente mi è capitato di trovare posti speciali, dove incontrarsi diventa un piacere, si possono fare quattro chiacchiere tranquille e in più si è circondati da libri e da gente che non ha fretta. Perché la Bellezza e la Fretta non sono amiche e non frequentano gli stessi luoghi.
Si tratta di due librerie, più o meno. Nel senso che non sono solo quello.
La prima è la libreria Utopia, di via Vallazze, a Milano.

mercoledì 19 febbraio 2014

Mia figlia non legge. Ottoline, salvaci tu!

Ieri ho intimato a mia figlia di leggere.
Le cose sono andate più o meno così.
- Amore lo so che sei malata ma perché invece di guardare la TV non ti leggi un bel libro?
- Io ho un'idea migliore, perché non me lo leggi tu?
- Tesoro, sai quanto mi piaccia leggere per te, ma il gusto che si prova a chiudersi in camera, in segreto e immergersi in una storia speciale da sola, ti assicuro, non ha pezzo.
- Beh, non c'ho voglia.
- Ma tu non hai mai voglia! Se non ti alleni un po', leggere sarà sempre più una fatica che un piacere.
- Non mi puoi mica obbligare!
- Certo che posso. Leggi, adesso, altrimenti niente TV!

Adesso, a parte il fatto che Steiner, la Montessori e pure Mary Poppins si staranno rivoltando nella tomba, mi chiedo, come siamo arrivati a questo?
Eppure ho fatto tutto nel modo giusto.


lunedì 17 febbraio 2014

Una filastrocca è per tutte le stagioni


Mi sono accorta che siamo rimaste un po' di tempo senza sfornare filastrocche. E dato che una filastrocca è per tutte le stagioni, ma in inverno in particolare ha la capacità di scaldare il cuore, spero che oggi possa essere una giornata perfetta da rendere un po' più dolce e calda con parole in rima per bambini e bambini-dentro.

venerdì 14 febbraio 2014

A San Valentino metti in circolo le idee!

Oggi è San Valentino.
Mai festa fu secondo me più discriminatoria dei sentimenti:
chi il fidanzato non ce l'ha si sente inadeguato
chi ce l'ha pensa ma sì non me ne importa niente, in fondo è solo una festa commerciale, certo che... se non torna a casa manco con un fiore spelacchiato je meno. E state sicuri che con queste premesse la litigata è assicurata.

Non rimane altro da fare che ignorare bellamente questa occasione e proporre delle valide alternative.

Io ve ne presento tre, tutte interessanti e alcune legate ai libri. Oh quanto vorrei che il 14 febbraio diventasse il giorno istituzionale della lettura! 





giovedì 13 febbraio 2014

Mi arre[n]do al low cost


Il divano, per me, è uno degli elementi d'arredo più importanti. Deve essere una sorta di cuccia, dove sedersi a leggere, sorseggiare tè, mangiucchiare biscotti o cioccolato, guardare la tv, sotto un plaid caldo e accogliente. Condizione imprescindibile è che abbia dei piedini alti, per poter passare lo straccio della polvere senza problemi, perché non so voi, ma sotto il mio attuale divano, che devo cambiare, si insediano intere colonie di gatti di polvere, che si attaccano al divano, e anche quando lo sposti rimangono lì. L'unico modo per liberarsene è ribaltare il divano. E... be', no, non lo faccio.

martedì 11 febbraio 2014

La mia prima zine

Il termine fanzine nasce dalla crasi tra la parola fan e la parola magazine. Il fenomeno delle fanzine, autopubblicazioni indipendenti, riviste self-made realizzate a basso costo da appassionati di un qualche genere o fenomeno culturale, musica fumetti letteratura, affonda le sue radici negli anni Quaranta nel circuito degli appassionati di fantascienza ma esplode negli anni Settanta, con l'avvento del punk e di tutta la mitografia che ha portato con sé. L'iconografia punk trova spazio in queste autoproduzioni dal sapore rivoluzionario, fatte di ritagli, parole decontestualizzate e isolate, ritornelli scanditi. Qui si possono leggere recensioni a dischi di artisti che raramente sono presi in considerazione dalla cultura ufficiale. Grazie alle fanzine la controcultura punk dilaga e alimenta il proprio mito.
Adesso, con l'avvento del computer, di programmi di grafica sempre più sofisticati e di un mondo virtuale che ha  annullato completamente la distanza tra creatore e fruitore, rendendo più agevoli gli scambi e più facile il reperimento dei lavori, le fanzine hanno smesso di essere dei semplici canali di informazione e si sono trasformati in piccoli gioiellini di grafica, illustrazione, dei concentrati di creatività che affidano la propria voce all'autoproduzione, che rimane comunque il tratto distintivo di questo fenomeno.



ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...